Loading...

Una faticosa conquista

In questo libro non ho trovato niente che non sapessi già: ma a volte l’ovvio è davanti ai nostri occhi e noi non lo vediamo: serve il momento giusto, il posto adatto e forse una scintilla che ci renda consapevoli. Il volumetto di Erling Kagge mi ha ricordato che il silenzio è uno strumento, una conquista, una necessità.

Io lo cerco sempre di più, forse perché, come dice l’autore”..chiudere il mondo fuori non significa voler ignorare quanto ci circonda, ma l’esatto contrario: volerlo vedere con maggior chiarezza, mantenere una direzione e cercare di amare la vita.”

Così anche oggi per un po’ spegnerò radio, telefono … e accenderò il silenzio.

5 Mi piace

You might also like

1 Comment

  • Una piccola fan 3 years ago Reply

    Un silenzio a cui dovremmo prestare più attenzione ogni giorno.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.