Loading...

Appunti di vita. Trascinati in un sogno

Finalmente questo giorno è arrivato. Mentre ti stavi preparando mi hai detto: “Lo aspettavo da così tanto tempo..”
Ti ho lasciata sulla porta, il tempo di darti un bacio e vederti sparire oltre il corridoio sulle scale che portano alla grande sala dove sosterrai la tua prima audizione.
Solo all’ultimo ti ho vista un po’ agitata, per lo più ansiosa di affrontare la tua prova, dimostrare chi sei, ma soprattutto chi vorresti diventare. Non ti ho riempito di parole, ti ho solo detto di danzare come fai sempre, con quell’amore e passione che sprigionano dai tuoi occhi, dal sorriso, dalla concentrazione con cui ti applichi.
Ci hai trascinati, anzi sollevati tutti nel tuo sogno: con l’entusiasmo che si addice a chi coltiva una grande passione, ci hai resi partecipi delle tue ansie, aspettative, dei tuoi progetti. Nostro malgrado siamo stati catapultati in un mondo sconosciuto, diventati esperti di passi, tenute, aperture.
Sai cosa mi colpisce di te? La tua positività, almeno apparente. Chissà cosa serbi nel tuo cuoricino, chissà quali pensieri hanno affollato la tua mente ieri sera, prima di addormentarti. Eppure mostri sempre il lato più sereno di te, affronti tutto con determinazione, tenacia. Sono qualità che ti premieranno prima o poi,  altrettanto necessarie del talento.
I prossimi giorni saranno lunghissimi; aspetterò i risultati come se fossero un mio traguardo. I miei capelli bianchi, le mie esperienze non possono evitarmi un pensiero negativo: come farò a sostenerti, incoraggiarti se non dovesse andare bene? Riuscirò a trovare le parole giuste? Riuscirò a motivarti?
Poi mi fermo e sorrido: guardo in alto, mi scrollo di dosso i pensieri e mi rivolgo a Chi saprà darmi parole, saprà dare a te coraggio, forza e tutto ciò di cui hai bisogno per continuare a perseguire i tuoi obiettivi; perché, comunque vada, il  cammino continua, il tuo sogno fatto nostro si avvicinerà sempre di più, e sono certa che un giorno riuscirai a realizzarlo, piccola, grande donna.

 

 

13 Mi piace

You might also like

1 Comment

  • Ali 4 years ago Reply

    Le lacrime che scorrevano lente, per la commozione, sul mio viso, sono iniziate alla lettura della prima riga.
    É la prima volta che mi commuovo con delle parole.
    Non pensavo che dentro di te si affollassero talmente tanti pensieri…e per questo ti ringrazio, perchè da qui ho percepito un po’ di qull’amore immenso e infinito che ogni giorno mi dimostri…
    GRAZIE!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.