Loading...

Scrittori e fratelli

“Mio Fratello” , di Daniel Pennac, non è una lettura facile, e soprattutto non è la lettura che ci si aspetta comprando Pennac. E’ stato tuttavia una sorpresa per più motivi: in primo luogo perché è il regalo di una carissima amica, Elisabetta, che mesi fa ha pensato di farmi omaggio di una copia speciale; ricevere libri mi riempie di gioia, avere tra le mani una copia autografata mi onora.

Il secondo motivo per cui questo libro mi sorprende è l’intreccio tra rievocazioni intime e il racconto di un Melville a me sconosciuto che rende l’autore di Moby Dick ancora più enigmatico ai miei occhi di quando lo studiai all’università.

Pennac racconta di una sua messa in scena di un racconto poco conosciuto dello scrittore americano, Bartleby lo scrivano. Analizzando la genesi di questa trasposizione teatrale approfitta per confidarsi col lettore e parlare del suo amato fratello Bernard, da poco scomparso, e tessendone le lodi ne svela anche la delicatezza e fragilità, incastonando ricordi con rimpianti e condendo tutto con una inedita dolcezza, con una malinconia che, ed ecco la terza sorpresa, non ci si aspetta dal creatore di Malaussene.

Ho aperto questo libro con un pizzico di scetticismo, l’ho chiuso con un piccolo morso alla bocca dello stomaco e con la voglia di riscoprire Melville, o forse, come è successo con Conrad pochi mesi fa, di conoscerlo ex novo, dopo tanti anni, senza la pressione di un esame da passare, e con il tempo giusto, quello che si lascia prendere senza termini o scadenze, permettendoci il lusso di fare pause, tornare su alcuni passaggi, rileggere, riflettere.

Mio fratello, oltre che essere un libro, è per me anche una persona reale, colgo quindi l’occasione di questo post per ringraziarlo, per quella mano che sento costantemente sulla mia spalla anche se viviamo a centinaia di chilometri di distanza,  per la fragilità che non nasconde, la grande intelligenza che mai ostenta, l’affetto che non risparmia. Ciao bro!

1 Mi piace

You might also like

1 Comment

  • Francesco 3 days ago Reply

    WoW… fortunato suo fratello, che belle parole gli ha dedicato… ☺️

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.